Brexit, cosa cambia per gli assicurati italiani: l’appello dell’Ivass a intermediari e imprese

Roma – Sta per concludersi il periodo di transizione: il 31 dicembre 2020 si completa l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Da qui l’appello dell’Ivass affinché gli intermediari britannici e le imprese di assicurazione informino gli assicurati italiani sugli effetti della Brexit.

Il periodo di transizione sta per concludersi, e i cambiamenti saranno radicali anche sul fronte assicurativo. Dal 1° gennaio 2021 le imprese di assicurazione e gli intermediari assicurativi britannici (Regno Unito e Gibilterra) non potranno più operare in Italia salvo che non siano autorizzati
dall’IVASS come operatori di uno Stato non aderente all’Unione europea.

Cosa succede da gennaio 2021

Con un’informativa agli assicurati italiani l’Istituto di Vigilanza sulle assicurazioni fa sapere che a partire dal 1° gennaio 2021:

  • le imprese di assicurazione britanniche non potranno più stipulare nuovi contratti né
    rinnovare quelli esistenti; esse sono comunque tenute ad assicurare, anche dopo la
    suddetta data del 1° gennaio, la corretta esecuzione dei contratti assicurativi in essere,
    garantendo l’adempimento degli obblighi contrattuali, ivi inclusa la gestione dei sinistri,
    dei pagamenti, dei riscatti e dei recessi;
  • gli intermediari assicurativi britannici cesseranno ogni attività di distribuzione
    assicurativa.

In vista, dunque, del prossimo 31 dicembre l’Ivass rivolge un appello a tutti i clienti italiani degli operatori assicurativi britannici. L’invito è quello di verificare di avere ricevuto informazioni adeguate e complete e, nell’eventualità, a prendere contatti con la compagnia di assicurazione e/o il proprio intermediario
(distributore).

Il team di AssiParioli è già pronto anticipando quelle che sono le direttive auspicate, in quanto il miglior servizio che possa rendere l’intermediazione assicurativa sta nel fatto di avere e fornire prodotti d’eccellenza corredati di ogni dovizia di particolari nell’interesse degli assicurati.

 

Comments are closed.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy