I rischi da responsabilità civile sanitaria in Italia, i dati del 2019

Roma – E’ stato pubblicato un interessante report  nel quale vengono riportate le principali evidenze quantitative delle due forme di assicurazione per la r.c.
sanitaria previste dalla legge:
1. quelle acquisite tramite polizze assicurative per i rischi da r.c. sanitaria, offerte dalle imprese di assicurazione dietro pagamento di un premio
2. quelle che le strutture sanitarie pubbliche costituiscono tramite auto-ritenzione del rischio. Le polizze assicurative per i rischi da r.c. sanitaria fanno parte del più ampio ramo della r.c. generale, di cui rappresentano nel 2019 il 13,1% del totale.  I dati su questo tipo di polizze sono acquisiti tramite una indagine annuale condotta dall’IVASS nei primi medi di ogni anno presso le imprese di assicurazione.

I dati sull’auto-ritenzione del rischio delle strutture sanitarie pubbliche sono forniti dal Ministero della Salute, che rende disponibile una base informativa con i dati di bilancio di tali strutture. Le polizze assicurative per i rischi da r.c. sanitaria Le informazioni statistiche si basano su una rilevazione effettuata annualmente presso le imprese di
assicurazione a partire dal 2016, in base a specifiche lettere al mercato diffuse agli inizi di ogni anno.

Ma ecco i principali risultati del 2019:

 Nel 2019 la raccolta premi per i rischi da r.c. sanitaria ammonta a 579 milioni di euro, in flessione
rispetto all’anno precedente (–6,5%), a causa della forte diminuzione dei premi (–14,7%) per le polizze
sottoscritte dalle strutture sanitarie pubbliche. La raccolta per i rischi delle strutture private e per quelli
del personale sanitario è sostanzialmente stabile.
 Nell’arco del decennio 2010-2019, il numero di strutture private assicurate (passato da 1.426 e 581) si
è più che dimezzato.
 La metà dei premi è raccolta da imprese con sede all’estero, particolarmente attive nella sottoscrizione
dei rischi delle strutture pubbliche, per i quali le imprese italiane raccolgono soltanto l’11,6% dei premi.
 Le imprese italiane sono maggiormente operative nei confronti delle strutture private e del personale
sanitario: per queste unità di rischio esse raccolgono rispettivamente il 72,6% e il 76,8% dei premi.
 Permane la forte concentrazione della raccolta premi nel settore, per le strutture pubbliche effettuata
in misura pari al 92,4% dalle 5 maggiori imprese. La concentrazione è meno elevata per i rischi
sottoscritti dalle strutture private e dagli operatori sanitari, per i quali le prime 5 imprese raccolgono
rispettivamente l’81,2% e il 61,2% dei premi.
 Nel quinquennio 2014-2019 il livello di concentrazione della raccolta premi è in lieve flessione.
 La percentuale di unità di personale sanitario che cambia compagnia da un anno all’altro è compresa
tra il 5% e il 7% nel quadriennio 2016-2019. La mobilità assicurativa comporta in media effetti di
riduzione del premio pagato.
 Si conferma una redditività tecnica negativa delle coperture per i rischi delle strutture pubbliche e
private, per queste ultime in particolare per le generazioni di sinistri meno recenti.
 L’auto-ritenzione del rischio da r.c. sanitaria è consentita alle strutture sanitarie dalla legislazione
vigente, come soluzione alternativa o integrativa dell’assicurazione tradizionale. Per le strutture
pubbliche l’opzione è in forte crescita nel medio-lungo periodo: nel 2018 gli accantonamenti ai fondi
di auto-ritenzione ammontavano al 187,9% del valore dei premi raccolti nello stesso anno dalle
compagnie per la r.c. sanitaria (contro il 138,8% del 2014).

Comments are closed.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy