Novità nel mondo delle assicurazioni auto: diritto di accesso ai verbali del 118 in caso di sinistro

Nel settore assicurativo, le informazioni sono una parte fondamentale per la risoluzione dei problemi. Le soluzioni più recenti poggiano sulla capacità di estrarre dati. Ma, in alcune occasioni, il digitale non è l’unica soluzione. Una novità nel mondo assicurativo delle auto riguarda la sentenza del Tar di Bari n. 1.442 del 13 novembre 2020. Tale sentenza ha sancito che le assicurazioni possono ottenere copia dei verbali del 118 in caso di incidente, attingendo quindi alle telefonate che passano dal numero di emergenza.

La sentenza

Il tribunale amministrativo ha dato ragione a una società assicurativa in una controversa con un’azienda ospedaliera, che si era limitata a fornire scheda del paziente e il cartellino d’emergenza senza altri dati sulla richiesta telefonica di intervento.

Il giudice, accogliendo il ricorso della compagnia, ha ammesso le telefonate come elemento utile per ricostruire l’incidente, accertare i danni e verificare la richiesta di risarcimento prima di liquidarla.

Perché la compagnia ha avuto ragione

Il punto di partenza del Tar è stato il Codice delle assicurazioni private del 2005, secondo il quale “le imprese di assicurazione esercenti l’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti sono tenute a consentire ai contraenti ed ai danneggiati il diritto di accesso agli atti a conclusione dei procedimenti di valutazione, constatazione e liquidazione dei danni che li riguardano”.

Si tratta, in sintesi, del diritto di accesso agli atti da parte degli assicurati. Secondo il Tar di Bari, si tratta di un diritto reciproco. È quindi lecito che le assicurazioni chiedano i dati necessari per accertare i fatti, a patto di non entrare nella sfera dei dati sensibili.

Nel 2013, il Consiglio di Stato aveva già aperto una breccia dichiarando accessibili i dati dei tracciati e delle registrazioni degli operatori del 118 in caso di rianimazione.

Comments are closed.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy